Luoghi e persone

Idee sparse – Scattered ideas

25 novembre 2015

Questo “Idee sparse” è un po’ diverso dagli altri. Oggi non propongo idee raccolte in rete, ma idee raccolte in viaggio, e tutte dedicate al vivere sostenibile nelle città, inteso soprattutto come qualità della vita. Mi capita ogni tanto, quando viaggio, sia per lavoro che per piacere, di conoscere progetti o vedere situazioni che mi piacerebbe si sviluppassero anche nel nostro paese. Si tratta spesso di piccoli interventi che possono rendere la vita più gradevole a molte persone.

1. PROGETTI ARTISTICI COLLETTIVI: arte in città per abbellire ma anche per condividere, permettendo a ognuno di contribuire secondo il proprio gusto e le proprie abilità. Q uesto progetto si trova al museo Picasso di Malaga, e invita tutti a partecipare alla tessitura di un arazzo.

2. SEMPLICI GESTI DI CIVILTA’: raccogliere gli escrementi del proprio cane dovrebbe ormai essere prassi comune (se non l’avete visto, riguardate questo interessante video su come una città spagnola ha affrontato questo problema), ma non mi era mi capitato di vedere un divieto di fumare in un raggio di 20 metri da un parco giochi. Mi piace!

3. SEDUTE DA SPOSTARE. Noi siamo abituati alle panchine, ma mi piace molto questa idea delle sedie sdraio o delle semplici sedie attorno ad un tavolo che si possono unire e combinare a piacere per accogliere gruppi diversi di persone, seguire l’ombra nelle giornate calde o scegliere invece di lasciarsi accarezzare dal sole.

3. ATTIVITA’ FISICA E CONDIVISIONE: mi è piaciuto molto vedere il prato antistante il parlamento canadese invaso da appassionati di yoga per una mattinata di condivisione di questa disciplina. Da maggio a settembre, ogni mercoledì. So che anche in Italia ci sono esperienze simili, ma di questa in particolare mi piace il luogo prescelto.

4. RICORDARE : non è mia intenzione dare una connotazione triste a questo post anzi, credo che il ricordo (almeno un certo tipo di ricordo) abbia un valore positivo e benefico. Due esempi: nel meraviglioro parco provinciale di Algonquin si trovano in posti panoramici di grande impatto panchine donate in ricordo di persone defunte. Nella prima foto una delle targhette che ho trovato, nella seconda il panorama che si vede dalla panchina: senza parole. Il secondo esempio riguarda invece il libro dei caduti in tutte le guerre in Canada, conservato nella torre del parlamento. In Italia ogni luogo ha il suo monumento ai caduti, ma questa idea è particolare: ogni giorno viene girata una pagina del libro e vengono ricordate in particolare le persone il cui nome è segnato in quella pagina. Ance le famiglie, in un sito internet dedicato, possono controllare quando sarà il giorno in cui vengono ricordati in particolare i loro cari. La trovo una storia commovente.

5. ACQUA DEL RUBINETTO: quei ristoranti che offrono acqua di rubinetto hanno il mio plauso ma ce ne sono addirittura molti, in certi paesi, che non appena ti siedi ti portano una caraffa e i bicchieri, prima ancora che tu ordini. Da copiare!

6. PORTIAMOCI A CASA IL CIBO AVANZATO : in Italia mi è successo solo una volta che, a cena con un gruppo di persone, ci chiedessero se volevamo dei contenitori per portarci il cibo avanzato a casa. Non credevo alle mie orecchie. Con l’enorme spreco di cibo che già c’è, in Italia se al ristorante chiedi di portarti via ciò che hai pagato fai la figura del barbone. Al massimo puoi chiedere la “doggy bag”, il sacchettino per mettere i resti per i tuoi amici animali. Un’idea per i ristoratori: offrite contenitori per portare gli avanzi a casa, i vostri clienti ameranno l’idea!

7. SPAZIO PER LA MUSICA : pianoforti pubblici per permettere a chiunque di suonare. A Montreal ho ascoltato la musica di questo signore, che ha rallegrato il pomeriggio a tutti coloro che si erano recati ad ammirare il panorama della città dall’alto. Ho poi fatto una chiacchierata con questa persona tanto gentile; mi ha spiegato che in città di pianoforti ce ne sono una ventina, e benché ci sia un telo per coprirli, il freddo e le intemperie li rovinano sicuramente. Lui comunque regolarmente si fa un giro e passa un’oretta a suonare. L’idea forse è migliorabile, ma rimane strepitosa!

Potresti essere interessato anche

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.