Tendenze della sostenibilità

Una guida per il community engagement

26 Settembre 2012

La bellissima Tallinn

Non è facile trovare una definizione in italiano del community engagement.

Il glossario del Financial Times lo descrive così:

Community engagement is the process of working collaboratively with community groups to address issues that impact the well-being of those groups.  Activities that help firms engage the community include credible and transparent reporting, town hall meetings and collaborative decision making.

Sempre più spesso ad aziende e organizzazioni viene chiesto di rendere conto dei propri impatti ambientali e sociali. E se in passato interessava soprattutto tessere relazioni positive con azionisti, dipendenti e pubblica amministrazione, oggi è importante rispondere anche alle aspettative dei cittadini e delle varie associazioni che tutelano i diritti di consumatori e dell’ambiente. Un buon rapporto con la comunità permette di sviluppare progetti che rispondono alle vere esigenze del territorio e di far fronte ad eventuali timori e preoccupazioni. Eventuali conflitti vengono inoltre affrontati in modo proattivo, il che rafforza l’immagine e la credibilità dell’azienda.

Sono possibili tre tipi di interazione e impegno con la comunità:

  • investimento nella comunità : la comunicazione è a senso unico, vengono fornite informazioni sul proprio operato, vengono stimolate le attività di volontariato dei propri dipendenti, vengono fatte donazioni alle associazioni locali;
  • coinvolgimento:  la comunicazione con la comunità e a doppio senso, l’azienda recepisce e analizza le opinioni e le richieste allo scopo di migliorare il proprio operato e cercando soluzioni che possano essere ritenute soddisfacenti dalla comunità. Anche in questo caso, tipo e livello di impegno vengono completamente gestiti dall’azienda;
  • interazione : l’azienda e la comunità lavorano assieme nel percorso di apprendimento e gestione dei problemi.

Un nuovo studio del Network for Business Sustainability ha realizzato una breve  guida che ha lo scopo di aiutare a sviluppare passo per passo una strategia di community engagement.

Il percorso si divide in quattro fasi:

  • Identificare gli stakeholder. Ciò significa considerare tutti quei gruppi che in passato si sono rivolti all’azienda per esprimere il proprio disappunto o per formulare determinate richieste. Un’azienda responsabile, però, dovrebbe cercare di identificare anche i gruppi di stakeholder per diversi motivi meno attivi e partecipi, ma per questo non meno importanti;
  • Decidere quali gruppi privilegiare e definire le strategie con i diversi gruppi. Non è detto che un’azienda debba scegliere uno solo dei tre percorsi indicati all’inizio (investimento, coinvolgimento o interazione), ma potrebbe anche definire una combinazione di diverse strategie;
  • Identificare l’approccio da usare. E’ arrivato il momento di agire ed è necessario definire le pratiche da attuare. La guida identifica diverse pratiche e tecniche per ognuno dei tre possibili percorsi;
  • L’ultima fase è in realtà un nuovo inizio. Le attività di interazione con la comunità non vanno interrotte, ma migliorate continuamente e rese parte integrate del modo di operare. Ciò è possibile coinvolgendo i dipendenti nel percorso, scambiando informazioni con altre aziende e organizzazioni, monitorando e  informando in modo continuativo la comunità sui risultati del progetto in modo trasparente ed onesto.

Potresti essere interessato anche

Nessun Commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.