Pagine

20 gennaio 2015

Corso LCA 26 e 27 febbraio 2015

Per coloro che sono interessati al nostro corso Life Cycle Assessment che si terrà i giorni 26 e 27 febbraio, di seguito il nostro opuscolo informativo.
Se avete difficoltà di visualizzazione, potete richiederlo anche a info@to-be.it

Ci sono pervenute diverse domande sui nostri corsi, così colgo l'occasione per rispondere ad alcune anche qui.

Sono necessarie conoscenze propedeutiche al corso?
Hanno partecipato e partecipano regolarmente ai nostri corsi collettivi persone con esperienza di più anni assieme a persone con nessuna esperienza. Partiamo dalle basi, ma da subito si comincia a lavorare a casi concreti, ognuno con un proprio computer. Il corso è adatto a chi non ha mai lavorato con la LCA ma è anche molto utile a chi ha già esperienza ma necessita di acquisire un metodo di lavoro efficiente e di risolvere alcune lacune nelle diverse fasi del lavoro.

Durante il corso è possibile discutere i propri progetti?
Durante il pomeriggio della seconda giornata è riservato del tempo per discutere le tematiche di interesse dei diversi partecipanti. Lo facciamo in modo molto interattivo e pratico, cosicché i singoli partecipanti possano ricavare utili consigli per i propri studi e gli altri possano approfondire la conoscenza della metodologia. Dell'esercizio beneficia quindi ogni persona del gruppo. 
Nel caso in cui, invece, ci sia la necessità di dedicarsi nel dettaglio allo sviluppo di uno specifico progetto, allora organizziamo corsi personalizzati o percorsi di tutoring.

Quale versione del software SimaPro viene usata durante il corso?
Durante il corso ogni partecipante ha a disposizione la versione più recente del software SimaPro, che viene installata sul computer di ciascuno. La durata della licenza è superiore a quella del corso, in modo da permettere ai partecipanti di ripetere gli esercizi, o farne altri, anche quando il corso è concluso per mantenere vive, e rafforzarle, tutte le nozioni apprese.

Dove si tiene il corso?
Il corso si tiene a Mogliano Veneto, presso la Filanda di Campocroce, anche sede del nostro ufficio. La Filanda è un mirevole esempio di archeologia industriale ed è situato in una zona molto tranquilla. Durante i due giorni di corso le uniche distrazioni potranno essere i rintocchi del campanile e la colonia di galli che razzolano tra chiesetta e Filanda. Per la sistemazione in zona, siamo convenzionati con alcune strutture e forniamo assistenza sia per l'alloggio che per i transfer dagli aeroporti di Venezia e Treviso ( a circa 15 minuti) che dalla stazione di Mogliano Veneto.

Viene rilasciato un attestato?
Sì, viene rilasciato il nostro attestato di partecipazione.

Se volete dare un'occhiata alle passate edizioni del corso, potete vedere ad esempio qui o qui o qui.

Segnalo che coloro che si iscrivono entro il 31 gennaio possono approfittare di un costo ridotto.



16 gennaio 2015

Venerdì, un libro e infinite distese innevate


Ho comprato questo libro a Bredevoort, paese del libro in Olanda di cui ho parlato qui. L'ho acquistato in questo negozio di libri usati.


Ha aspettato pazientemente per molti mesi, l'ho preso più volte e rimesso al suo posto. Anche quest'estate, alla ricerca di un libro da leggere, benché non sia stata una stagione particolarmente soleggiata, semplicemente non era il momento giusto. Durante il periodo natalizio, invece, finalmente si è fatto scegliere e ho iniziato a leggerlo, per venirne presto rapita. 

La storia è ambientata in Canada nel 1867, ed inizia nello sperduto villaggio di Dove River, dove la vita è quella tipica di una piccola comunità di pionieri, una comunità di frontiera con i suoi ritmi semplici e la natura che domina i cicli della vita. La normalità è spezzata dalla drammatica uccisione di un uomo e dalla scomparsa di un ragazzo che lo conosceva. Nella disperata ricerca del figlio e della verità, la madre del ragazzo parte seguendone le tracce, addentrandosi negli immensi spazi ghiacciati del Nord America. La storia dell'omicidio e la ricerca del colpevole, però, non sono tanto l'elemento principale di questa storia, quanto il filo conduttore che collega tra loro storie parallele di molte altre persone. Protagonista rimane comunque il paesaggio senza fine che l'autrice, in una bellissima descrizione, paragona all'oceano tanto sconfinato da non regalare alcun punto di riferimento.

Il libro ha vinto il Costa Award, maggior premio letterario inglese.
Ci siamo immersi nel paesaggio nevoso e siamo stati colpiti dalla bellezza della scrittura e dalla narrazione. È una storia d'amore e di tensione. Impossibile riuscire a staccarsene... 
La giuria del Costa Award
Questo è il libro d'esordio di Stef Penney, regista inglese. Inglese, ecco cosa mi ha colpito della sua descrizione. Avrei pensato che descrizioni così precise e vivide venissero da un scrittore nordamericano. Poi sono andata a cercare qualche informazione in più e in questo articolo di The Guardian ho scoperto che la Penny non solo non è mai stata in Canada, ma soffre addirittura di agorafobia, la paura degli spazi aperti. E' bella l'interpretazione che ne fa il giornalista del quotidiano inglese. Come può, una scrittrice che vive di preferenza negli spazi chiusi e che ha studiato il Canada e la sua storia in biblioteca, descrivere con tale minuzia non solo il paesaggio, le sfumature della neve, le tracce umane che si trasformano con il passare dei giorni, ma anche le emozioni e le 'sensazioni che tutto ciò evoca? Forse è proprio l'agorafobia che l'aiuta a vivere con grande intensità le immagini evocate e a descrivere con precisione i dettagli che rappresentano per lei una profonda paura.

Bello in ogni periodo dell'anno, ma sicuramente ancora più adatto ad accompagnare queste fredde e brevi giornate invernali.

Buon fine settimana. 

14 gennaio 2015

Il nuovo progetto di Sara, sempre energia


Quando ieri ho ricevuto un'e-mail di Sara Capuzzo, vicepresidente di EnergoClub e responsabile per la comunicazione, ho subito pensato che il suo nuovo progetto dovesse essere condiviso. Di Sara avevo la foto che vedete sopra (Sara è alla sinistra della persona con il cappotto rosso), quando cantava in anteprima LED it be, bellissima iniziativa di cui ho parlato qui.

Conosco Sara da diversi anni e insieme abbiamo pensato, fatto brain storming e sviluppato, lavorando nelle ore più strane, progetti diversi, tra cui bellissimi laboratori per le scuole. I nostri laboratori sulla LCA e il ciclo di vita dei prodotti facevano parte di un percorso educativo per le scuole primarie e secondarie gestito da EnergoClub. Ho cercato qualche riferimento nel blog, ed ecco cosa ho trovato. Caspita, era il 2010!
Dei nostri laboratori ho scritto anche qui.

Per arrivare al punto, ecco il nuovo progetto di Sara, così come l'ha spiegato lei.

momenti importanti si condividono con gli amici e con chi, accomunato dagli stessi obiettivi, per professione o per passione, può assaporarne il significato e apprezzarne i principi. Ecco perché mi piacerebbe coinvolgervi in questa stimolante e ambiziosa impresa, che mi vede orgogliosamente partecipe e che ho l'onore di raccontarvi.
Dalla condivisione di esperienze, identità, mission e competenze di quattro soci
promotori – Avanzi, EnergoClub, Retenergie, ForGreen – dopo una gestazione di oltre due anni, qualche mese fa ha preso vita e forma è nostra (v. video Conferenza stampa di lancio a Palazzo Madama e rassegna stampa nel sito).
Cos'è
è nostra è una cooperativa senza scopo di lucro che fornisce elettricità sostenibile ai propri soci del mercato domestico. Si fonda sulla partecipazione attiva e sul coinvolgimento delle comunità e mira a cambiare dal basso il modo di produrre e consumare energia favorendo la progressiva transizione verso un sistema “carbon free” a livello nazionale e il parallelo disinvestimento dalle fonti esauribili.

Il contesto
Nasce nell'ambito del progetto UE RESCoop20-20-20 (programma EIE) il cui obiettivo è favorire l’accettabilità delle rinnovabili, a partire dal coinvolgimento e dalla partecipazione diretta dei cittadini nella produzione e nel consumo di energia. Ispirandosi alle consolidate esperienze europee, è nostra afferma anche in Italia il modello della condivisione dell’energia, distinguendosi radicalmente dai tradizionali fornitori energetici presenti sul mercato nazionale.

Non solo verde ma sostenibile
L'energia che è nostra fornirà ai propri soci sarà acquistata da impianti rinnovabili piccoli, comunitari e sostenibili e da imprese estranee a business critici dal punto di vista sociale, etico o ambientale.

Sarà un Comitato Scientifico a valutare di volta in vota, in base a criteri oggettivi e misurabili (v. link), la sostenibilità degli impianti e il grado di sintonia tra la Cooperativa e le imprese di produzione che si candideranno per vendere la propria energia.
Le tariffe
La Cooperativa fornirà energia elettrica alle utenze domestiche dei propri soci con tariffe sia di tipo monorario che biorario, per contatori con potenza impegnata fino a 10 kW.

Per partire, il prezzo delle offerte sarà in linea con il servizio di maggior tutela, ma la forza dell'impresa sta nel numero di soci, non nei kWh venduti: al crescere della cooperativa si abbasserà il prezzo dell'elettricità fornita. Eventuali margini, al netto delle spese di gestione (di una struttura volutamente leggera), saranno reinvestiti o ridistribuiti ai soci in forma di ristorno.
Consumare il meno possibile
è nostra non mira a fare profitto, ma a garantire una fornitura di energia elettrica equa e responsabile al giusto prezzo, favorendo parallelamente, la riduzione dei consumi attraverso campagne di sensibilizzazione al risparmio energetico.

Tempi di erogazione
La fornitura sarà attiva nella seconda metà del 2015. A partire dal 1 luglio, anniversario della liberalizzazione del mercato, i soci riceveranno da è nostra l’indicazione puntuale delle tariffe e la proposta di contratto da sottoscrivere. Una volta sottoscritto il contratto, come previsto per legge, passeranno circa 6-8 settimane prima dell’attivazione. Da quel momento il socio sarà a tutti gli effetti consumatore critico e fornitore etico.

Eventi
Cremona, Treviso, Milano, Cagliari, Ancona, Fermo sono alcune delle città in cui è nostra sarà presentata pubblicamente tra gennaio e febbraio. Se vi farà piacere organizzare qualche iniziativa locale scrivetemi e invitateci: nei prossimi mesi gireremo l'Italia per raccontare della Cooperativa, condividerne i valori, rispondere a dubbi e curiosità e raccogliere nuovi soci attivi.

Associati ora
Un’energia non vale l’altra. Ogni volta che facciamo click sull’interruttore virtualmente esercitiamo una scelta. Lo possiamo fare con orgoglio. Il successo di questa “impresa” dipende da tutti noi. Associati e fai la tua parte perché insieme si possa incidere dal basso sul futuro energetico dell'Italia.

Mi auguro che condividerete quanto sopra... in tutti i sensi.

Detto fatto, condiviso. 
Ultima cosa. Ho chiesto a Sara di mandarmi una sua foto da usare qui, ed ecco cosa ho ricevuto. 


Da sx: Marco Mariano, Davide Zanoni, Sara Capuzzo, Gabriele Nicolis, Matteo Zulianello (tutti soci fondatori di è nostra; Davide, Gabriele e Sara sono anche nel CdA).

Questa foto dice molto di come è Sara. 
In bocca al lupo per questa nuova avventura!

12 gennaio 2015

Corsi Life Cycle Assessment 2015


Ecco il calendario dei nostri corsi collettivi LCA & SimaPro per il 2015:

26 - 27 febbraio 

26 - 27 maggio 

22 - 23 ottobre


I nostri corsi collettivi sono rivolti a tutti coloro che desiderano apprendere o approfondire l'utilizzo della metodologia LCA attraverso SimaPro. 

Il corso, sempre della durata di due giorni, è rivolto ad un piccolo gruppo di persone e segue un programma intensivo e molto pratico. I partecipanti cominciano infatti da subito a lavorare a casi concreti per apprendere le diverse fasi della metodologia in modo esperienziale.

Docente del corso è Leo Breedveld, che opera nell'ambito della LCA da oltre 20 anni. Ha insegnato Life Cycle Assessment in molte università, centri di ricerca e aziende in tre continenti. 

Nel corso degli anni abbiamo sviluppato un metodo di insegnamento interattivo e focalizzato all'acquisizione delle competenze attraverso l'approccio semi individuale e l'interazione guidata tra i partecipanti. 

Nel pomeriggio della seconda giornata viene riservato del tempo per discutere le diverse tematiche di interesse.

Per maggiori informazioni potete scriverci a info@to-be.it


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...